viaggi straordinari

In cuore abbiamo tutti un cavaliere pieno di coraggio,
pronto a rimettersi sempre in viaggio
Gianni Rodari

Il tema del viaggio è, da sempre, sinonimo di crescita e conoscenza.
La prima definizione che la maggior parte dei dizionari propone per il termine viaggio è di questo tipo: “l’azione di muoversi per andare da un luogo all’altro”; seguono poi, di solito ulteriori significati. Si possono, in sostanza, identificare tre diversi tipi di viaggio:

  1. Viaggio concreto: implica uno spostamento fisico nel mondo reale, coinvolgendo la percezione sensoriale dello spazio;
  2. Viaggio immaginario: implica uno spostamento, non fisico, in un mondo fantastico sviluppando l’uso dell’immaginazione;
  3. Viaggio metaforico: inteso come percorso di crescita ed accrescimento della conoscenza; in questo caso non c’è uno spostamento, ma una trasformazione del viaggiatore.

Il progetto “Viaggi straordinari” comprende e propone tutti questi aspetti, invitando i “viaggiatori” a spostarsi sia nel mondo reale, con la visita al museo, sia nel mondo dell’immaginazione, attraverso una destinazione differente ad ogni incontro, ed, infine, propone approfondimenti storici, scientifici e tecnico espressivi.

OBIETTIVI:

  • Acquisire conoscenze relative alla orogenesi, alla preistoria, alle grandi esplorazioni sulla Terra e oltre
  • Esercitare le capacità di osservazione e percettiva
  • Sviluppare potenzialità espressive, creative e manuali

PRIMO INCONTRO: VISITA PROPEDEUTICA AL MUSEO NAZIONALE DELLA MONTAGNA DI TORINO
Un viaggio reale, vissuto attraverso gli occhi ed il corpo, per scoprire, attraverso le collezioni del museo, tutto ciò che le montagne, custodi del nostro passato, possono insegnarci ed anche quanto possono farci immaginare.

SECONDO INCONTRO: AL CENTRO DELLA TERRA – frottage su carta e collage
Riprendendo i contenuti affrontati nelle prime sale del museo, parleremo di preistoria, segni sulle pietre, di metalli e minerali. Ispirandoci, poi, all’ artista Max Ernst, utilizzeremo la tecnica del frottage, per scoprire ed inventariare i segni e le textures che possiamo ricavare dalla montagna, per poi rielabolarli, attraverso il collage, in un paesaggio fantastico.

TERZO INCONTRO: DAL BOSCO ALLA GIUNGLA – Pittura sperimentale, stampo e spugnatura
Le sale del museo propongono diversi approcci al tema del bosco: come fonte di legname,  materiale per eccellenza della vita quotidiana in valle; come luogo di svago e di avvistamenti; come risorsa da rispettare e proteggere. Questi alcuni degli argomenti che ci accompagneranno ad osservare le opere di artisti che nel tempo hanno affrontato il tema dell’albero.
Ciascun partecipante realizzerà poi il proprio bosco/giungla con tecniche di pittura sperimentale.

QUARTO INCONTRO: IN MEZZO AI GHIACCI – Tecnica mista pittura, materiali e colla
Fonte di ispirazione per il viaggio nelle terre del ghiaccio saranno racconti e materiali inerenti le grandi esplorazioni sulle vette e ai poli. Luoghi e personaggi verranno presentati attraverso immagini, racconti, pagine di diario e foto di artisti. Infine i ragazzi realizzeranno, ciascuno, un paesaggio ghiacciato.

QUINTO INCONTRO: OLTRE LE VETTE – Collage polimaterico, foratura e tagli
Dopo aver superato le sfide sulla Terra, l’uomo si è lanciato in nuove e misteriose esplorazioni. La conquista della Luna, lo spazio, le stelle insieme alle opere di artisti quali Vasilij Kandinskij e Lucio Fontana, costituiranno gli argomenti dell’incontro. Durante il laboratorio i partecipanti immagineranno di essere avvolti dal nero assoluto del cosmo, illuminato a tratti dalla luce delle stelle e delle galassie, sperimentando il collage polimaterico, insieme all’idea della fonte luminosa ottenuta attraverso il taglio e la foratura della superficie.

SESTO INCONTRO: MOSTRA E INCONTRO/LABORATORIO CON LE FAMIGLIE
Il progetto prevede un incontro finale con allestimento di tutti gli elaborati prima della consegna finale.
Scuole dell’Infanzia e Primarie: in tale occasione le famiglie saranno invitate a partecipare ad un breve incontro di presentazione del lavoro svolto e potranno realizzare, insieme ai bambini, un compagno di viaggio per nuove ad affascinanti avventure, prendendo parte al laboratorio appositamente ideato.
Scuole Secondarie: il progetto si conclude con l’allestimento di una mostra, nei locali della scuola,per condividere con compagni, genitori e professori il percorso ed i lavori realizzati dai ragazzi.

MODALITÀ DI CONDUZIONE
N° degli incontri con la classe
: sei
Durata di ogni intervento: due ore
Destinatari: classi di scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di I grado. Contenuti e attività laboratoriali saranno diversi e calibrati i base all’età dei partecipanti.
Classi singole o abbinate: classi singole
Sede del corso: l’istituto scolastico, ad eccezione della visita guidata
Materiale fornito alle classi e agli insegnanti: Tutti i materiali necessari allo svolgimento delle attività saranno portate dal personale dell’associazione.

METODOLOGIA
Ciascun incontro a scuola prevede una prima parte teorica, condotta in modo interattivo con l’utilizzo di immagini, per affrontare i contenuti storici, scientifici ed artistici del programma; ed un secondo momento di laboratorio pratico per rielaborare manualmente quanto appreso realizzando una sorta di fondale raffigurante la meta del viaggio.
Tutti i lavori, saranno montati e restituiti durante l’ultimo incontro del progetto.

COSTO: Euro 500,00 (esente IVA) a gruppo classe.
Per il progetto “Viaggi straordinari” è possibile richiedere un numero inferiore di incontri, con costo da aggiornare.
I costi sono esenti IVA ex art. 10 DPR 633/72