E’ possibile visionare l’intero catalogo dei laboratori di didattica Mediares in versione .pdf oppure cliccare sui singoli progetti a lato per scorrerli uno dopo l’altro.

Fatevi ispirare dalle immagini che vedete e immaginate di coinvolgere la vostra classe in un interessante viaggio nel tempo con lo studio di abitudini e modi di vita delle popolazioni che ci hanno preceduto e la visione di resti ancora oggi conservati.

Ogni lezione prevede una introduzione teorica e una aprte pratica.

I laboratori di didattica Mediares:

– Viaggio nella storia: la vita quotidiana nella Preistoria
– Viaggio nell’antico Egitto
– Viaggio nella storia: la vita quotidiana al tempo dei Romani
– Hai origini longobarde?
– Viaggio nella storia: la vita quotidiana nel Medioevo
– Tra Seicento e Settecento
– 1861-2011: dall’unità d’Italia all’Italia unita
– Torino nel tempo: Torino romana
– Torino nel tempo: Torino medievale
– Torino nel tempo: Torino barocca
– Torino nel tempo: Torino neoclassica
– Torino nel tempo: Torino liberty
– La scrittura in gioco
– Dalla pietra all’inchiostro
– La storia sotterranea: il mestiere dell’archeologo.

– Catalogo Mediares didattica

Troverete le schede dei singoli laboratori di didattica Mediares. O se preferite contattateci per personalizzare o realizzare altri laboratori insieme a voi.

– Conferma Laboratorio Didattico (in Word) e (in PDF)

 

Visualizza il catalogo completo dei laboratori al Museo della Montagna

Da ottobre 2018 Mediares gestisce le attività didattiche al Museo Nazionale della Montagna Duca degli Abruzzi di Torino.

Il Museo offre numerosi spunti per varie tipologie di laboratori, sia sulla montagna in senso stretto che su aspetti storici e naturalistici.

I laboratori attualmente offerti al Museo Nazionale della Montagna sono i seguenti:

1 – Senza limiti. Oltre i confini. Cinema sulle Alpi Occidentali. Mostra temporanea
2 – Tree Time. Mostra temporanea
3 – Un paesaggio… da cartolina!
4 – Uomo e orso. Storia di un rapporto millenario
5 – Segni sulla roccia
6 – Sul filo di lana. Dalla Preistoria ai Fratelli Piacenza
7 – Intrecci di ieri e di oggi: corde, stuoie e ceste di varie forme
8 – Nuova vita alle fibre tessili
9 – Dai pionieri della fotografia ai nativi digitali
10 – Dentro e fuori la montagna: rocce, cristalli e minerali
12 – Dalla montagna alla città. Alla scoperta dei tesori di pietra di Torino
13 – Ma come ti muovi?
14 – Seguiamo le impronte…
15 – Montagna: istruzioni per l’uso
16 – Impariamo ad orientarci leggendo il territorio
17 – Diario di viaggio. Le avventure del Duca degli Abruzzi
18 – Walter Bonatti. Diario di ascensione.

Visualizza il catalogo completo dei laboratori al Museo della Montagna

 

Il Museo Nazionale della Montagna nasce nel 1874 al Monte dei Cappuccini a Torino come Vedetta Alpina, un osservatorio dotato di cannocchiale mobile per ammirare dal Monte dei Cappuccini lo straordinario panorama di Torino e di 400 chilometri di Alpi, dal Monviso al Monte Rosa. L’idea di costituire un Museo viene dai primi soci del Club Alpino Italiano, nato nella stessa città nel 1863.
Negli anni successivi il Museo si amplia progressivamente fino a diventare oggi il maggior polo culturale al mondo dedicato alla montagna. L’esposizione permanente, rinnovata nel 2005, sviluppa un percorso tra i principali argomenti riguardanti l’alpinismo, l’esplorazione e la vita alle alte quote; a suo fianco vengono presentate regolarmente importanti mostre temporanee, realizzate principalmente con le collezioni conservate negli archivi e nei magazzini del Museo.
Il Centro Documentazione del Museo, del quale fa parte anche la Biblioteca Nazionale del Club Alpino Italiano, vanta migliaia di pezzi articolati in una Fototeca, una Cineteca Storica e un ricco Fondo Iconografico, costantemente consultati da studiosi e studenti di tutto il mondo.

Piazzale Monte dei Cappuccini 7 – 10131 Torino
Tel. 011.6604104
posta@museomontagna.org
www.museomontagna.org

Dal 1 luglio 2017 Mediares, insieme all’Associazione Archeologica Le Muse, progetta e gestisce i laboratori didattici per il Museo Civico Pier Alessandro Garda di Ivrea e per il Parco Archeologico del Lago Pistono di Montalto Dora.

Scarica il catalogo completo

Due musei insieme per promuovere la storia del territorio, progettare e lavorare in rete. È questo il pensiero che ha spinto il Museo Civico Pier Alessandro Garda di Ivrea e il Parco Archeologico del Lago Pistono di Montalto Dora a collaborare in sinergia, unendo le proprie esperienze culturali, al fine di costruire una migliore offerta di proposte educative e percorsi di approfondimento per far conoscere gli aspetti culturali delle antiche civiltà che, nel tempo, hanno caratterizzato il territorio dell’Anfiteatro Morenico di Ivrea.

Le attività proposte comprendono visite interattive guidate, percorsi tematici e laboratori che possono configurarsi come “pacchetti formativi” inseriti dall’insegnante nella programmazione o divenire parte integrante di progetti didattici anche pluriennali.

Il percorso e il linguaggio prevedono una differenziazione in considerazione dei diversi livelli formativi e gradi d’istruzione. Ulteriori sussidi sono costituiti da schede didattiche di approfondimento e riepilogo dell’attività svolta.

Tramite gara pubblica è stata affidata all’aggregazione di rete Mediares Società Cooperativa e Associazione Archeologica Le Muse la gestione dei laboratori e delle visite guidate alle due realtà museali.

Informazioni e prenotazioni per il Museo Garda:
Museo Garda di Ivrea: tel. 0125.634155/410512/410513 – email musei@comune.ivrea.to.it

Informazioni per il Parco Archeologico del Lago Pistono:
Parco Archeologico del Lago Pistono: tel. 0125.652771 – email omnia@comune.montalto-dora.to.it

Per contattare gli operatori didattici e per prenotazioni Parco Archeologico del Lago Pistono:
Ass. Le Muse: tel. 392.1515228 – email info@lemusestudio.it
Mediares: tel. 011.5806363/338.4803306 – email didattica@mediares.to.it

Scarica il catalogo completo

Solo conoscendo si può apprezzare e tutelare.

Beni archeologici, artistici, architettonici, naturalistici, folcloristici, bibliotecari. Siamo circondati da molte realtà, ognuna delle quali insegna la necessità della tutela e il fascino di poterla ammirare.

Scavo archeologico simulato, lettura di modifiche architettoniche di un edificio, visita a una collezione museale, consigli su come si può visitare un’area naturalistica protetta, racconto di come la città è stata descritta da autori di ieri e di oggi.

Saremo archeologi, scrittori, disegnatori, ciceroni… E costruiremo la nostra città ideale.

 

MODALITÀ DI CONDUZIONE
N° degli incontri con la classe
: cinque
Durata di ogni intervento: due ore
Destinatari: classi di scuole primarie e secondarie di I grado. Contenuti e attività laboratoriali saranno diversi e calibrati i base all’età dei partecipanti.
Classi singole o abbinate: classi singole
Sede del corso: l’istituto scolastico e il museo (per un solo incontro)
Materiale fornito alle classi e agli insegnanti: Tutti i materiali necessari allo svolgimento delle attività saranno portate dal personale dell’associazione.

METODOLOGIA
Ciascun incontro a scuola prevede una prima parte teorica, condotta in modo interattivo con l’utilizzo di immagini, per affrontare i contenuti storici, scientifici ed artistici del programma; ed un secondo momento di laboratorio pratico per rielaborare manualmente quanto appreso.

COSTO: Euro 450,00 (esente IVA) a gruppo classe.
Per il progetto “I Paladini della Cultura” è possibile richiedere un numero inferiore di incontri, con costo da aggiornare.
I costi sono esenti IVA ex art. 10 DPR 633/72

L’identità si riferisce alla percezione che ogni individuo ha di se stesso, cioè della propria coscienza di esistere come persona in relazione con altri individui, con i quali forma un gruppo sociale.
Iniziare a riflettere sulla propria identità è un passo molto importante: si tratta di provare a capire come si è nella nostra unicità in continua trasformazione, per rendersi conto che esiste una pluralità di identità, tutte uniche e da rispettare, con le quali dialogare ed entrare in relazione.
Il progetto “La terra siamo noi” vuole offrire ai bambini l’opportunità di scoprire ed esprimere la propria identità attraverso i linguaggi dell’arte, della fotografia e della manipolazione dell’argilla.

OBIETTIVI:

  • sviluppare le capacità di ascolto, osservazione, attenzione
  • potenziare l’attitudine alla riflessione ed autoanalisi
  • acquisire tecniche e capacità espressive nel linguaggio della plastica e modellazione
  • migliorare l’attitudine all’espressione individuale
  • Sviluppare e migliorare le competenze di motricità fine.

SCUOLA DELL’INFANZIA:
PRIMO INCONTRO:  CHI SONO? Utilizzo ludico della fotografia come mezzo per scoprirsi; realizzazione di ritratto collage 3D
SECONDO INCONTRO: CHI POSSO ESSERE? Immagini di artisti, e realizzazione di maschere in argilla.

SCUOLA PRIMARIA:
CLASSI PRIME: IO SONO SUONO Breve lettura, osservazione di opere di alcuni artisti e realizzazione di un sonaglio in argilla con argilla rossa
CLASSI SECONDE: IO SONO RITMO Breve lettura, osservazione di opere di alcuni artisti e realizzazione di una sequenza ritmata su formella di argilla rossa e grigia
CLASSI TERZE: IO SONO ALBERO Breve lettura, osservazione di opere di alcuni artisti e realizzazione di formella in argilla grigia raffigurante un albero.
CLASSI QUARTE: IO SONO CASA Breve lettura, osservazione di opere di alcuni artisti e realizzazione di formella in argilla rossa raffigurante una casa.
CLASSI QUINTE: IO SONO SPIRITO Breve lettura, osservazione di opere di alcuni artisti e realizzazione di un mandala in argilla grigia e rossa.

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO
CLASSI PRIME: IO SONO ALBERO realizzazione di un albero in bassorilievo con argilla grigia
CLASSI SECONDE: IO SONO CASA realizzazione di una casa in bassorilievo con argilla grigia e rossa
CLASSI TERZE: IO SONO SPIRITO  realizzazione di un mandala con argille grigia, rossa e bianca.

MODALITÀ DI CONDUZIONE
N° degli incontri con la classe
: due
Durata di ogni intervento: due ore
Destinatari: classi di scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di I grado. Contenuti e attività laboratoriali saranno diversi e calibrati i base all’età dei partecipanti.
Classi singole o abbinate: classi singole
Sede del corso: l’istituto scolastico
Materiale fornito alle classi e agli insegnanti: Tutti i materiali necessari allo svolgimento delle attività saranno portate dal personale dell’associazione.

Metodologia
Ciascun incontro prevede un primo momento introduttivo e preparatorio, con la lettura di una breve storia sul tema e l’osservazione di opere video-proiettate di alcuni artisti del Novecento e Contemporanei; un secondo momento prevede un’attività di sperimentazione manipolativa attraverso la lavorazione dell’argilla.

Costo: Euro 200,00 (esente IVA) a gruppo classe.

In cuore abbiamo tutti un cavaliere pieno di coraggio,
pronto a rimettersi sempre in viaggio
Gianni Rodari

Il tema del viaggio è, da sempre, sinonimo di crescita e conoscenza.
La prima definizione che la maggior parte dei dizionari propone per il termine viaggio è di questo tipo: “l’azione di muoversi per andare da un luogo all’altro”; seguono poi, di solito ulteriori significati. Si possono, in sostanza, identificare tre diversi tipi di viaggio:

  1. Viaggio concreto: implica uno spostamento fisico nel mondo reale, coinvolgendo la percezione sensoriale dello spazio;
  2. Viaggio immaginario: implica uno spostamento, non fisico, in un mondo fantastico sviluppando l’uso dell’immaginazione;
  3. Viaggio metaforico: inteso come percorso di crescita ed accrescimento della conoscenza; in questo caso non c’è uno spostamento, ma una trasformazione del viaggiatore.

Il progetto “Viaggi straordinari” comprende e propone tutti questi aspetti, invitando i “viaggiatori” a spostarsi sia nel mondo reale, con la visita al museo, sia nel mondo dell’immaginazione, attraverso una destinazione differente ad ogni incontro, ed, infine, propone approfondimenti storici, scientifici e tecnico espressivi.

OBIETTIVI:

  • Acquisire conoscenze relative alla orogenesi, alla preistoria, alle grandi esplorazioni sulla Terra e oltre
  • Esercitare le capacità di osservazione e percettiva
  • Sviluppare potenzialità espressive, creative e manuali

PRIMO INCONTRO: VISITA PROPEDEUTICA AL MUSEO NAZIONALE DELLA MONTAGNA DI TORINO
Un viaggio reale, vissuto attraverso gli occhi ed il corpo, per scoprire, attraverso le collezioni del museo, tutto ciò che le montagne, custodi del nostro passato, possono insegnarci ed anche quanto possono farci immaginare.

SECONDO INCONTRO: AL CENTRO DELLA TERRA – frottage su carta e collage
Riprendendo i contenuti affrontati nelle prime sale del museo, parleremo di preistoria, segni sulle pietre, di metalli e minerali. Ispirandoci, poi, all’ artista Max Ernst, utilizzeremo la tecnica del frottage, per scoprire ed inventariare i segni e le textures che possiamo ricavare dalla montagna, per poi rielabolarli, attraverso il collage, in un paesaggio fantastico.

TERZO INCONTRO: DAL BOSCO ALLA GIUNGLA – Pittura sperimentale, stampo e spugnatura
Le sale del museo propongono diversi approcci al tema del bosco: come fonte di legname,  materiale per eccellenza della vita quotidiana in valle; come luogo di svago e di avvistamenti; come risorsa da rispettare e proteggere. Questi alcuni degli argomenti che ci accompagneranno ad osservare le opere di artisti che nel tempo hanno affrontato il tema dell’albero.
Ciascun partecipante realizzerà poi il proprio bosco/giungla con tecniche di pittura sperimentale.

QUARTO INCONTRO: IN MEZZO AI GHIACCI – Tecnica mista pittura, materiali e colla
Fonte di ispirazione per il viaggio nelle terre del ghiaccio saranno racconti e materiali inerenti le grandi esplorazioni sulle vette e ai poli. Luoghi e personaggi verranno presentati attraverso immagini, racconti, pagine di diario e foto di artisti. Infine i ragazzi realizzeranno, ciascuno, un paesaggio ghiacciato.

QUINTO INCONTRO: OLTRE LE VETTE – Collage polimaterico, foratura e tagli
Dopo aver superato le sfide sulla Terra, l’uomo si è lanciato in nuove e misteriose esplorazioni. La conquista della Luna, lo spazio, le stelle insieme alle opere di artisti quali Vasilij Kandinskij e Lucio Fontana, costituiranno gli argomenti dell’incontro. Durante il laboratorio i partecipanti immagineranno di essere avvolti dal nero assoluto del cosmo, illuminato a tratti dalla luce delle stelle e delle galassie, sperimentando il collage polimaterico, insieme all’idea della fonte luminosa ottenuta attraverso il taglio e la foratura della superficie.

SESTO INCONTRO: MOSTRA E INCONTRO/LABORATORIO CON LE FAMIGLIE
Il progetto prevede un incontro finale con allestimento di tutti gli elaborati prima della consegna finale.
Scuole dell’Infanzia e Primarie: in tale occasione le famiglie saranno invitate a partecipare ad un breve incontro di presentazione del lavoro svolto e potranno realizzare, insieme ai bambini, un compagno di viaggio per nuove ad affascinanti avventure, prendendo parte al laboratorio appositamente ideato.
Scuole Secondarie: il progetto si conclude con l’allestimento di una mostra, nei locali della scuola,per condividere con compagni, genitori e professori il percorso ed i lavori realizzati dai ragazzi.

MODALITÀ DI CONDUZIONE
N° degli incontri con la classe
: sei
Durata di ogni intervento: due ore
Destinatari: classi di scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di I grado. Contenuti e attività laboratoriali saranno diversi e calibrati i base all’età dei partecipanti.
Classi singole o abbinate: classi singole
Sede del corso: l’istituto scolastico, ad eccezione della visita guidata
Materiale fornito alle classi e agli insegnanti: Tutti i materiali necessari allo svolgimento delle attività saranno portate dal personale dell’associazione.

METODOLOGIA
Ciascun incontro a scuola prevede una prima parte teorica, condotta in modo interattivo con l’utilizzo di immagini, per affrontare i contenuti storici, scientifici ed artistici del programma; ed un secondo momento di laboratorio pratico per rielaborare manualmente quanto appreso realizzando una sorta di fondale raffigurante la meta del viaggio.
Tutti i lavori, saranno montati e restituiti durante l’ultimo incontro del progetto.

COSTO: Euro 500,00 (esente IVA) a gruppo classe.
Per il progetto “Viaggi straordinari” è possibile richiedere un numero inferiore di incontri, con costo da aggiornare.
I costi sono esenti IVA ex art. 10 DPR 633/72

 

Il progetto si propone di integrare lo studio scolastico della preistoria avvicinando gli studenti agli aspetti più quotidiani di questa cultura. In tal modo si esalterà il valore della storia come risultato dell’agire della gente comune, sottolineando le grandi conquiste dell’uomo.

Programma del laboratorio
Il progetto prevede due incontri con gli studenti, articolati nel seguente modo:
1. Lezione in classe della durata di due ore in cui verranno esposte alcune caratteristiche della vita quotidiana nella Preistoria, nei suoi aspetti più concreti: il fuoco, l’organizzazione sociale della caccia, la creazione di utensili, l’allevamento. Attività pratica di pittura con pennelli e colori in polvere.
2. Visita guidata al Museo di Antichità di Torino, limitatamente alla sezione preistoria e protostorica.

MODALITÀ DI CONDUZIONE
N° degli incontri con la classe
: due
Durata di ogni intervento: due ore
Destinatari: classi di scuola primaria e classi di scuola secondaria di primo e secondo grado
Classi singole o abbinate: classi singole
Sede del corso: l’istituto scolastico, ad eccezione della visita guidata
Attrezzature occorrenti:
LIM o videoproiettore da Personal Computer
Materiale fornito alle classi e agli insegnanti: dispense riassuntive degli argomenti trattati in classe, corredate da test di verifica. Le schede e i materiali prodotti rimarranno alla classe.

Metodologia
La parte teorica delle lezioni è illustrata mediante l’uso di cartelloni, diapositive, riproduzioni sperimentali di oggetti di vita quotidiana antica (vasellame, punte di freccia, fusaiole).
Durante la parte pratica i ragazzi sono invitati a immaginare la realtà quotidiana più antica, immedesimandosi nella vita di tutti i giorni.

Costo: Euro 140,00 (esente IVA) a gruppo classe
É possibile usufruire della sola visita guidata al Museo di Antichità al costo di Euro 80,00 (esente IVA) a gruppo classe.

Il progetto si propone di illustrare le caratteristiche principali della civiltà egizia e i maggiori manufatti artistici giunti fino ai nostri giorni.
L’antico Egitto è un mondo che affascina gli studenti, soprattutto i più piccoli, per i misteri ad esso collegati (la mummificazione, le maledizioni, il mondo ultraterreno), ma è anche una civiltà importante da studiare per le enormi testimonianze tramandate.

Programma del laboratorio Museo Egizio e antico Egitto

Il progetto prevede due incontri con gli studenti, articolati nel seguente modo:
1. Le caratteristiche della civiltà egizia: i geroglifici, le divinità, i riti funebri, le piramidi, gli aspetti della vita quotidiana. Attività pratica: scrittura con geroglifici e giochi egizi (“Senet” e “Cani e sciacalli”)
2. Visita guidata al Museo Egizio di Torino. Il Museo, le cui collezioni risalgono al 1760, conserva reperti pregiati come la statua di Ramses II, la ricostruzione del tempio di Ellesija, la riproduzione della stele di Rosetta, oggetti di uso quotidiano (mobili, vestiario, cibi, bevande). Il nuovo allestimento lascerà voi e i vostri studenti a bocca aperta!

MODALITÀ DI CONDUZIONE
N° degli incontri con la classe
: due
Durata di ogni intervento: due ore
Destinatari: classi di scuola primaria e classi di scuola secondaria di primo e secondo grado
Classi singole o abbinate: classi singole
Sede del corso: l’istituto scolastico, ad eccezione della visita guidata
Attrezzature occorrenti: LIM o videoproiettore da Personal Computer
Materiale fornito agli insegnanti: dispense riassuntive degli argomenti trattati in classe, corredate da test di verifica. Le schede prodotte rimarranno alla classe.

Metodologia
Le lezioni sono illustrate mediante l’uso di cartelloni, immagini e riproduzioni di oggetti di vita quotidiana antica. I ragazzi sono inoltre invitati a immaginare la realtà quotidiana più antica, immedesimandosi nella vita di tutti i giorni.

Costo: Euro 150,00 (esente IVA) a gruppo classe
É possibile usufruire della sola visita guidata al Museo Egizio al costo di Euro 80,00 (esente IVA) a gruppo classe.

Il percorso al Museo di Antichità di Torino vuole far conoscere agli studenti la storia della loro città e del Piemonte, attraverso un percorso storico e archeologico.
Si presenteranno l’archeologia in generale e alcuni reperti che permetteranno di ricostruire la storia del Piemonte.

Programma del percorso al Museo di Antichità di Torino

Il Museo di Antichità di Torino può essere visitato con percorsi differenti a seconda dell’esigenza della classe:
1. Percorso archeologico: che cos’è l’archeologia? Quali sono i materiali che si conservano e che sono giunti fino a noi? Come possiamo avere informazioni sui popoli antichi attraverso i loro reperti?
2. Percorso preistorico: attraverso i reperti risalenti alla Preistoria si parlerà di Paleolitico e di Neolitico (armi in selce, ceramica, fusaiole, macine in pietra). Da non perdere gli anelloni in pietra verde, le matrici in pietra per la fusione delle spade.
3. Percorso romano: attraverso i reperti risalenti all’epoca romana si approfondiranno varie tematiche della civiltà romana, con specifico riferimento ai Romani a Torino e in Piemonte (miliari, monete, lucerne, vasellame, armi). Assolutamente da non perdere l’epigrafe di Lucio Tettieno Vitale che riporta il nome corretto di Torino in epoca romana, le anfore del rito di fondazione, la discarica romana.
4. Percorso longobardo: attraverso i reperti risalenti al periodo longobardo si ricostruirà la storia dell’occupazione longobarda a Torino e in Piemonte. Da non perdere i reperti della necropoli longobarda di Testona (la terza in Italia per importanza), la ricostruzione del guerriero di Borgo d’Ale e i reperti provenienti dagli scavi della metropolitana a Collegno.
5. Percorso medievale: attraverso i reperti risalenti al periodo medievale parleremo di alto e basso Medioevo. Da ammirare i rivestimenti lapidei della Basilica di San Salvatore, ceramiche graffite e ingobbiate, le pedine da scacchi provenienti da Bric San Vito.

N.B. Consigliamo di affiancare la visita guidata al Museo di Antichità di Torino con un laboratorio specifico a seconda del periodo storico scelto (ad es.”Viaggio nella storia: la vita quotidiana nella Preistoria“, “Viaggio nella storia: la vita quotidiana al tempo dei Romani”, “I Longobardi in Piemonte“, “Viaggio nella storia: la vita quotidiana nel Medioevo“).

MODALITÀ DI CONDUZIONE della visita al Museo di Antichità di Torino

N° degli incontri con la classe: uno
Durata di ogni intervento: due ore
Destinatari: classi di scuola primaria e classi di scuola secondaria di primo e secondo grado
Classi singole o abbinate: classi singole
Sede del corso: il Museo Archeologico di Torino
Materiale fornito agli insegnanti: dispense riassuntive degli argomenti trattati in classe, corredate da test di verifica.

Costo: Euro 80,00 (esente IVA) a gruppo classe

E’ possibile abbinare la visita al Museo di Antichità di Torino con una visita al centro storico, limitatamente alla parte romana o medievale. In tal caso la visita avrà la durata di 3 ore per un costo di Euro 100,00 (esente IVA) a gruppo classe.

Il progetto si propone di integrare lo studio scolastico della civiltà romana avvicinando gli studenti agli aspetti più quotidiani di questa cultura. Si esalterà così il valore della storia come risultato dell’agire della gente comune permettendo una conoscenza più meditata della materia. Gli studenti, infatti, possono confrontare le loro abitudini con quelle delle civiltà che li hanno preceduti, studiando ad esempio l’alimentazione, l’abbigliamento, le professioni, le abitazioni, i giochi dei loro antenati. Sicuramente curioso sarà poter prestare attenzione alle testimonianze romane ancora presenti in Piemonte e in particolare a Torino.

Programma del laboratorio
Il progetto prevede due incontri con gli studenti, articolati nel seguente modo:
1. Le caratteristiche della vita quotidiana al tempo dei Romani: la città (mura, porte, torri, vie, foro, edifici pubblici), i luoghi di spettacolo (teatro, anfiteatro e circo), le professioni, la religione, la famiglia, la casa, l’abbigliamento, l’alimentazione, l’istruzione. Questi temi saranno analizzati facendo riferimento ai ritrovamenti avvenuti in Piemonte. Attività pratica di scrittura su tavoletta di cera e vestizione da antico romano.
2. Visita guidata a scelta tra le seguenti possibilità:
Museo di Antichità di Torino, limitatamente alla sezione romana. All’uscita dal museo ci si soffermerà sui resti romani visibili nelle vicinanze (teatro, Porta Palatina, mura).
– Torino romana per vedere da vicino i resti di quell’epoca ancora presenti in città (3 ore).

MODALITÀ DI CONDUZIONE
N° degli incontri con la classe
: due
Durata di ogni intervento: due ore
Destinatari: classi di scuola primaria e classi di scuola secondaria di primo e secondo grado
Classi singole o abbinate: classi singole
Sede del corso: l’istituto scolastico, ad eccezione della visita guidata
Attrezzature occorrenti: LIM o videoproiettore da Personal Computer
Materiale fornito alle classi e agli insegnanti: dispense riassuntive degli argomenti trattati in classe, corredate da test di verifica. Le schede e i materiali prodotti rimarranno alla classe.

Metodologia
La parte teorica delle lezioni è illustrata mediante l’uso di cartelloni, diapositive, riproduzioni sperimentali di oggetti di vita quotidiana antica (vasellame, lucerne, monete, tavolette cerate).
Durante la parte pratica i ragazzi sono invitati a immaginare la realtà quotidiana più antica, immedesimandosi nella vita di tutti i giorni. I ragazzi dovranno provare a vestirsi da antico romano, scrivere su tavolette di cera.

Costo: Euro 140,00 (esente IVA) a gruppo classe
Euro 160,00 (esente IVA) a gruppo classe se si sceglie la formula con visita alla Torino romana
É possibile usufruire della sola visita guidata al Museo di Antichità al costo di Euro 80,00 (esente IVA) a gruppo classe o ai resti di Torino romana al costo di Euro 100,00 (esente IVA) a gruppo classe.